Come cercare lavoro se ti sei appena laureato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Anche se ora vanti di un titolo di studio di alto livello, il lavoro non verrà automaticamente da te. Senza ombra di dubbio hai molte più chance di assunzione e altrettante più possibilità di scelta ma dovrai seguire degli espedienti necessari per cercare lavoro se ti sei appena laureato. Non vi è alcuna lezione universitaria che ti insegni la procedura da seguire o che ti dia dei consigli ad hoc. La maggior parte delle volte s’impara strada facendo (è bene ricordare che cercare lavoro è già, a tutti gli effetti, un lavoro), a forza di prendere porte in faccia o di mandare candidature che non verranno mai considerate. Tuttavia, per aiutarti a cercare lavoro se ti sei appena laureato abbiamo messo insieme per te dei pratici step da compiere per ottenere quanto prima il risultato a cui ambisci.

1. Risorse in università

All’interno delle università ci sono professionisti che offrono servizi di orientamento al lavoro dedicati a studenti,  laureandi e neolaureati.

Non ha importanza se sei in possesso di una laurea triennale, una laurea specialistica o un master, perché questi professionisti prestano il loro ausilio a studenti ed ex studenti di ogni grado.

Dovrebbero essere le prime persone a cui ti dovresti rivolgere, proprio perché hanno le esperienze e le competenze necessarie ad introdurre i giovani talenti nel mondo del lavoro. Inoltre conoscono meglio di chiunque altro le caratteristiche specifiche della ricerca di lavoro per i neolaureati e le difficoltà che possono incombere.

Ti consigliamo quindi di sfruttare al massimo tutti gli strumenti che l’università ti mette a  disposizione: workshop, orientamento, seminari e canali preferenziali di ricerca del lavoro.

2. Curriculum e lettera di presentazione efficaci

È ovvio che, come abbiamo più volte segnalato, alla base di tutto l’iter di ricerca del lavoro c’è un curriculum fatto bene, che descrive la tua identità oltre alle tue esperienze professionali che in questo caso potresti non avere ancora. Cliccando sul seguente link troverai una serie di consigli pratici che ti aiuteranno proprio nella preparazione del curriculum vincente: Cosa scrivere sul curriculum se non si ha molta esperienza

Allora metti in primo piano la tua  carriera accademica. Infatti se nei curriculum tradizionali si consiglia di inserire primariamente le esperienze professionali e successivamente gli studi compiuti, nel  caso di un cv da neolaureato è raccomandabile il contrario. Soprattutto parla delle tue soft skills.

Non sottovalutare neanche la lettera di  presentazione. Qui troverai dei pratici suggerimenti per incentivare il reclutatore a consultare la tua candidatura con più dedizione Come scrivere una lettera di presentazione efficace. Quasi nessuno destina del tempo a questa attività che invece è uno strumento fondamentale per accedere al colloquio di lavoro; personalizzala, non creare lo stesso modello per tutte le candidature. Ricorda che dall’altra parte c’è una persona esperta che si vede arrivare migliaia di lettere di presentazione ogni giorno e se non ti distinguerai con originalità verrai automaticamente scartato.

Analizza bene l’annuncio e l’azienda così potrai inserire strategicamente all’interno quelle “parole chiave” che cattureranno l’attenzione del selezionatore. Infine non scegliere un modello Europass perchè può limitare il tuo essere competitivo recintandoti in parametri standardizzati: tutti scelgono questa opzione ormai altamente diffusa.

3. Network professionale

Il networking è un elemento essenziale per cercare lavoro se ti sei appena laureato e LinkedIn è la sua massima espressione.

Infatti esistono posti di lavoro che non diventano naturalmente offerte di lavoro pubbliche e quindi non entrano a far parte dei circuiti tradizionali di ricerca. Queste opportunità di lavoro nascono e circolano nella rete ristretta di contatti tra le persone. Molti neolaureati intendono sviluppare il proprio network professionale solo una volta trovato lavoro ma questo è uno sbaglio, perché i contatti sono utili proprio per trovare lavoro. Anche aggiungere collegamenti casualmente, pur di arricchire frettolosamente la rete in termini quantitativi e non qualitativi e arrivare più velocemente possibile all’obiettivo finale, può essere una  strategia inefficiente.

Perché è così importante fare network? Il passaparola positivo si sviluppa solo dopo un attendo lavoro di personal  branding ben focalizzato. Qualcuno può suggerirti per una posizione prima ancora che venga pubblicato l’annuncio, sfruttando le conoscenze personali. Le referenze, come fa un neolaureato senza esperienza a distinguersi dalla concorrenza? Una referenza può fare la  differenza.

Ecco che i social network professionali ti aiutano a creare e mantenere i contatti con le persone che occupano una posizione adeguata per fare una referenza significativa.

Un buon network, coltivato online e offline, contribuisce a trovare e costruire ottime opportunità di lavoro. È quindi un elemento che non può mancare per cercare lavoro se ti sei appena laureato.

4. Ricerca offline

Non convincerti che la dimensione online  sostituisca interamente quella offline. I risultati migliori si ottengono integrando le attività. Presentati di persona nelle agenzie per il lavoro. 

Anche se la maggior parte delle offerte gestite dalle agenzie per il lavoro finiscono nei motori di ricerca lavoro, è comunque profittevole andare di persona  per due ragioni.

  • Primo, potrebbero avere a disposizione alcune offerte che ancora non sono state rese pubbliche online.
  • Secondo, incontrare personalmente i  professionisti delle risorse umane è utile per farti conoscere. In questo modo potrai rimanere maggiormente impresso e potrai trasmettere del valore aggiunto rispetto a quanto si  evince dal curriculum.

5. Definizione degli obiettivi

Avere uno scopo professionale ben preciso è una caratteristica fondamentale nella ricerca del  primo lavoro di un neolaureato. Assicurati quindi di sapere con dettaglio e certezza la meta che vuoi raggiungere e qual è la posizione che desideri ricoprire. In cosa  ti sei laureato? Hai diverse possibilità a tua disposizione, decidi dove preferisci lavorare, stabilendo anche quali possano essere le tue ambizioni ed i tuoi punti di forza.

In un mondo del lavoro altamente competitivo come quello odierno, non ti puoi permettere alcuna incertezza su quali  siano le abilità che ti fanno emergere. Ripensa alla tua carriera accademica, alle materie che hai affrontato e alle attività che hai svolto.

Cosa ti ha appassionato maggiormente, in che ambito hai ottenuto i risultati migliori? E poi, quali competenze ti ha attribuito la vita da studente? Quali  peculiarità differenziano te da tutti gli altri neolaureati?

Sulla base delle tue abilità e delle tue capacità attuali, individua il tuo  scopo professionale e definisci un posizionamento molto chiaro ed intuitivo all’interno della tua candidatura. alle tue aspirazioni.  

6. Aggiornamento e informazione

È importante rimanere aggiornati, dedica del tempo ad approfondire i settori che ti interessano, potresti trovare informazioni già in tuo possesso, ma anche nozioni che conosci meno. Quasi nessuno lo fa, potrebbe essere un’ottima strategia in grado di darti vantaggio competitivo e differenziazione.

Informati quindi sulle principali organizzazioni, tradizionali ed emergenti, start-up e multinazionali. Individuale su internet, leggi i siti web, segui le pagine social, impara a conoscere le notizie più recenti che le riguardano.

Tieni in considerazione anche la geografia delle  offerte di lavoro. Infatti potrebbero esserci regioni o singole città che hanno una generosa offerta di lavoro relativa ad un settore specifico, oppure, contrariamente, che non ne hanno.

Se non sei disposto a spostarti per trovare il lavoro a cui ambisci, allora devi adeguare la ricerca del  lavoro alle peculiarità della zona in cui vivi. Questo porrà dei limiti alle tue aspirazioni.

7. Reputazione online

I recruiter controllano la tua identità su internet prima ancora di contattarti per proporti il colloquio di lavoro. Prima di inviare le candidature, cerca il tuo nome sui motori di ricerca. Verifica i risultati, e individua tutto quello che non dovrebbe essere pubblico. Pulisci i tuoi account social e  costruisci una reputazione che potrebbe interessare. Se vuoi ottenere ancor più risultati, realizza un sito web o un portfolio per renderti maggiormente accattivante.

8. Perseveranza

Devi pianificare la tua ricerca in modo che sia un processo continuo e un impegno sostenibile nel lungo termine. Rammenta che cercare lavoro è già un lavoro e in questa lunga lotta vince chi non si arrende dinnanzi ai rifiuti e alle porte in faccia. Come in tutte le cose, per raggiungere il vertice occorre essere determinati e caparbi e non lasciarsi scoraggiare dalle  circostanze. Tutto sommato è solo una questione di tempo. Pertanto per cercare lavoro se ti sei appena laureato è imprescindibile che tu abbia perseveranza e pazienza.

www.inhrgroup.it